Mutuo Aperto del Banco di Sardegna

di Redazione Commenta

Un finanziamento ipotecario appositamente ideato per chi punta all’acquisto della casa con un mutuo, ma nel corso del piano di ammortamento, e quindi durante il saldo delle rate, vuole riservarsi l’opportunità, l’opzione, di poter cambiare l’indicizzazione del tasso di interesse. Si presenta così “Mutuo Aperto“, il finanziamento ipotecario flessibile ideato dal Banco di Sardegna che “funziona” in questo modo: si parte con un mutuo a tasso fisso, per i primi tre anni, potendo così avere la certezza di pagare mese dopo mese un importo costante e, quindi, potendo di conseguenza pianificare al meglio il budget e le spese familiari. Dopo il terzo anno a tasso fisso, con il “Mutuo Aperto” del Banco di Sardegna il mutuatario può o mantenere il tasso fisso, che verrà nel caso rideterminato sulla base delle condizioni vigenti nel dato momento, oppure trasformare il finanziamento ipotecario da un mutuo a tasso fisso ad un mutuo a tasso variabile.

Il Mutuo Aperto del Banco di Sardegna, quindi, si presenta in tutto e per tutto come un finanziamento ipotecario con la formula del tasso misto che, in caso di mancato esercizio dell’opzione da parte del contraente, si trasforma allo scadere dei tre anni in automatico in un mutuo a tasso variabile.

Con il Mutuo Aperto del Banco di Sardegna è possibile finanziare fino all’80% del valore dell’immobile a fronte di un’indicizzazione che, a tasso fisso, è legata al tasso IRS vigente, mentre con la formula a tasso variabile l’indicizzazione passa al tasso interbancario euribor può lo spread bancario in entrambi i casi. Per quel che riguarda la cadenza di pagamento delle rate, questa può essere quella classica, ovverosia mensile, oppure è possibile optare per il pagamento delle rate con cadenza semestrale a fronte di una durata complessiva del piano di ammortamento che può essere di minimo cinque anni e massimo quindici anni.