Aiuti alle famiglie: rinegoziazione mutui, per l’Adiconsum non basta

di Redazione Commenta

Il Segretario Generale dell’Adiconsum, Pietro Giordano, dichiara che il Decreto Sviluppo per quanto riguarda la rinegoziazione dei mutui per le famiglie meno abbienti è una cosa molto utile, ma finirebbe con il creare una vera e propria battaglia tra poveri. Le famiglie che possono avere accesso al mutuo devono infatti avere un reddito ISEE non sopra i 30mila euro, con un mutuo di non più di 150mila euro, e non devono essere in ritardo con i pagamenti. Il tutto secondo Pietro Giordano significa anche dire che in questo modo si aiuterebbero un numero limitatissimo di famiglie; e poi c’è un punto ancora non ben specificato, riguardante la rinegoziazione, ovverosia se questa dovrà comportare ulteriori spese a carico delle famiglie. Per questo secondo l’Adiconsum le misure da prendere a favore delle famiglie in difficoltà con il mutuo sono altre, a partire dal Piano Famiglia sottoscritto tra ABI e le associazioni dei consumatori, e passando per il rifinanziamento del fondo previsto di 20 milioni di euro per la sospensione delle rate.

Inoltre, cosa importantissima, occorre trovare una soluzione ai mutuatari che, finiti i 12 mesi di moratoria previsti, difficilmente riusciranno poi a pagare regolarmente visto che ancora per i redditi delle famiglie la situazione è difficile anche perché non arrivano segnali che possano dirsi positivi a 360 gradi dal fronte dell’occupazione. Tutto questo si deve risolvere, altrimenti secondo l’Adiconsum le famiglie rischiano di diventare ancor più povere di quanto non lo siano già.

Particolarmente critica è anche la posizione di altre Associazioni, tra cui il Codacons e la Federconsumatori. Quest’ultima, in particolare, afferma che si rischia di fare un’altro regalo alle banche visto che sancire il diritto alla stipula di un mutuo a tasso fisso, “abbandonando” quello all’euribor, significa pagare una rata con durata fissa ma a fronte del pagamento di una spesa decisamente più alta in termini di interessi da pagare.