Mutuo Credem: come chiedere la sospensione

di Redazione Commenta

Il Gruppo Credem, Credito Emiliano, nell’ambito del Piano Famiglie dell’ABI, ed in particolare per quel che riguarda la misura inerente la moratoria sui mutui per l’acquisto della prima casa, ha messo a disposizione online, direttamente attraverso il proprio sito Internet, sia tutte le informazioni su come aderire nel rispetto dei requisiti, sia, in formato pdf, il modello di lettera di sospensione del finanziamento ipotecario. Sul portale, tra l’altro, sono ben specificati e spiegati i casi in corrispondenza dei quali le famiglie in difficoltà possono avvalersi della misura; nel dettaglio, alla misura, nel rispetto degli altri requisiti, si può accedere per caso morte dell’intestatario del mutuo ed anche, tra l’altro, per cessazione del rapporto di lavoro, sopraggiunta non autosufficienza, sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario di lavoro. Inoltre, nel rispetto degli altri requisiti, con il Credem il Mutuo stipulato con la Banca si può “congelare” in caso di “spese sanitarie“; per questo caso specifico la famiglia richiedente la moratoria deve presentare fatture attestanti spese sanitarie per un importo non inferiore ai 5 mila euro.

Rispetto ai “requisiti minimi” del Protocollo siglato tra l’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e le Associazioni dei Consumatori, il Credem ha tra l’altro migliorato le condizioni di accesso alla moratoria rendendole meno stringenti; in particolare, è stato tolto il limite di reddito, pari a 40 mila euro, l’importo massimo del mutuo originario, pari a 150 mila euro, e le limitazioni sulla tipologia di tasso che deve avere il finanziamento ipotecario per l’acquisto della prima casa.

Inoltre, la finalità sopra descritta dell’accesso alla moratoria per spese sanitarie è stata aggiunta proprio dal Gruppo Credem a favore dei propri clienti che versano attualmente in condizioni di temporanea difficoltà. Ricordiamo che la moratoria dell’ABI, originariamente con scadenza al 31 gennaio 2011, è stata prorogata di sei mesi e, quindi, c’è tempo fino e non oltre il 31 luglio 2011.