Mutui e finanziamenti: moratoria a Lampedusa

di Redazione Commenta

Per i cittadini che vivono nell’isola di Lampedusa, e che in questi mesi hanno dovuto far fronte all’emergenza sbarchi con rallentamenti dell’attività turistica e della pesca, arriva la moratoria sui mutui e sui finanziamenti. A darne notizia è Fiscooggi.it, il Quotidiano Telematico dell’Agenzia delle Entrate, precisando al riguardo come si possa chiedere in banca la moratoria fino al 31 dicembre del 2011 delle rate dei mutui e dei finanziamenti; in particolare, il mutuatario o il titolare del prestito può optare per la sospensione del pagamento delle rate nella loro interezza, quota capitale più quota interessi, oppure può chiedere il congelamento della sola quota capitale.

Inoltre, tra le altre misure di aiuto alla popolazione previste ci sono quelle legate ai contratti di affitto al fine di rilanciare l’attività turistica. Nel dettaglio, a valere dal 12 febbraio 2011 al 31 dicembre del 2011, l’agevolazione prevede che sui contratti di locazione o di comodato con finalità turistiche non venga applicato alcun tributo o diritto; inoltre, scatta ai fini del reddito imponibile un abbattimento del 30% per le locazioni di case che, allo stesso modo, vengono affittate per fini turistici.

A seguito del flusso migratorio proveniente dal nord Africa, inoltre, il Governo, attraverso un’ordinanza, la numero 3947 del 16 giugno del 2011, ha disposto la sospensione degli adempimenti e dei versamenti sia dei tributi, sia dei contributi previdenziali. La sospensione per le persone fisiche è fino al 16 dicembre del 2011 a patto di possedere, alla data dello scorso 12 febbraio 2011, il domicilio fiscale sull’isola di Lampedusa. In tutti i casi, recita un articolo pubblicato su Fiscooggi.it, non sono rimborsabili gli importi già versati. E per tutto il territorio nazionale, per i mutui prima casa, ricordiamo che c’è ancora tempo, fino al 31 luglio del 2011, salvo proroghe, per accedere in caso di difficoltà alla moratoria sui mutui in base ad un accordo tra l’Abi e le Associazioni dei Consumatori.