Mutui casa ed assicurazioni complementari

di Redazione Commenta

Spread the love

Quello delle assicurazioni associate ai mutui è un tema caldo, molto caldo, visto che l’Isvap ha emanato un importante regolamento, a tutela dei consumatori, che però è stato impugnato dalle banche. E’ giusto che un Istituto di credito offra oltre al mutuo, rendendola spesso vincolante, anche l’assicurazione opzionale complementare? E, in tal caso, si rischia di pagare di più a fronte delle stesse garanzie che si potrebbero avere, a fronte di un premio più basso, stipulando lo stesso prodotto, ad esempio, con una compagnia di assicurazioni che non ha alcun “conflitto di interessi” con la Banca. Ebbene, se l’Isvap in merito è intervenuta è chiaro che il legittimo sospetto ci sia specie se si considera che, in accordo con quanto riporta Libero Giulietti sul sito dell’Aduc, le banche con la polizza opzionale sugli interessi ci guadagnano due volte.

La copertura assicurativa opzionale sui mutui presenta infatti di norma un costo elevato, con la conseguenza che la banca, oltre a prestarci i soldi per il mutuo, ci presta anche i soldi per la copertura assicurativa e, quindi, guadagna allo stesso modo degli interessi anche sulla polizza. Libero Giulietti sul sito dell’Aduc pone inoltre l’accento sul fatto che spesso le banche non permettono la stipula del mutuo se non si contrae contestualmente anche un’assicurazione opzionale che tutela da rischi quali il decesso o la perdita del posto di lavoro, ragion per cui si vengono ad innescare ed a generare molteplici conflitti di interessi.

Ecco perché l’Isvap è intervenuto per fare chiarezza ma anche per fare in modo che operazioni come quelle relative alla portabilità del mutuo, la surroga per intenderci, possano avvenire senza penalizzazioni a carico del mutuatario. In caso di portabilità del mutuo stipulato con la contestuale assicurazione, questa deve essere tale che la banca restituisca la quota di premio assicurativo, in ragione del numero degli anni di scadenza non goduti, e si possa così, se si vuole, andare a stipulare un nuovo contratto assicurativo con la nuova banca.