I tassi di interesse di un mutuo – Il TEGM

di Sofia Martini Commenta

 Numerosi sono  i tassi di interesse che entrano in gioco nella stipula di un mutuo e che è opportuno conosce prima della sottoscrizione del contratto. Quando si parla di mutui, ad esempio, si può a volte capitare di sentir parlare anche del TEGM, ovvero del Tasso Effettivo Globale Medio. In questo post vedremo quindi di che cosa si tratta. 

> Le previsioni sui tassi d’interesse 2013

Che cos’è il TEGM, il Tasso Effettivo Globale Medio

Il Tasso Effettivo Globale Medio o TEGM è uno dei tassi che i mutuatari dovrebbero conoscere prima dell’accensione di un mutuo. Si tratta infatti del tasso di interesse ufficiale che ogni tre mesi viene rilevato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze come indicazione in merito alla legge antiusura.

I tassi di interesse praticati dalle banche e dagli altri istituti di credito non possono infatti superare questi valori imposti dal MEF a meno di non essere considerati tassi usurari. I TEGM vengono pubblicati ogni trimestre sulla Gazzetta Ufficiale, attraverso la quale il Ministero stabilisce anche il limite oltre il quale un prestito o un finanziamento può essere considerato alla stregua di usura.

Perché richiedere una proposta personalizzata prima della stipula di un mutuo

Per questo motivo il Tasso Effettivo Globale Medio o TEGM viene anche chiamato, nel linguaggio corrente, tasso soglia.

Gli intermediari finanziari sono tenuti ad esporre ogni trimestre i dati aggiornati del MEF in relazione ai tassi soglia, in modo tale che i clienti interessati ne possano prendere visione.

Nel mondo dei mutui esistono infine due valori da tenere presenti per il TEGM, uno dedicato ai mutui a tasso fisso, e uno dedicato ai mutui a tasso variabile.