Mutuo sociale nella Regione Lazio

di Fil Commenta

Nella Regione Lazio anche i giovani che hanno un lavoro non stabile, ovverosia precario, potranno coronare il sogno di diventare proprietari della propria abitazione. Ad annunciarlo è stato Teodoro Buontempo, Assessore alle Politiche per la Casa della Regione Lazio, nel sottolineare come questo sarà possibile grazie al “mutuo sociale”, una delle misure contenute nel Piano Casa che nei giorni scorsi è stato illustrato dall’Assessore Buontempo, da Luciano Ciocchetti, assessore all’Urbanistica della Regione Lazio, e dal Governatore Renata Polverini. Proprio il Presidente della Regione Lazio ha parlato del nuovo Piano Casa come la risposta a quelle che sono le aspettative sia delle famiglie, sia per il rilancio dell’edilizia. A fronte del rispetto della salvaguardia ambientale, si punterà sul rilancio dell’edilizia, ma anche sulla semplificazione delle procedure amministrative, e sulla riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente sul territorio laziale.

Con il nuovo Piano Casa, quindi, la Regione Lazio punta a superare la vecchia Legge che si basava sull’impianto normativo del Piano Casa Nazionale, e che ha fatto registrare poche domande legate all’ampliamento di immobili. Con la nuova Legge regionale, invece, escludendo le aree tutelate e i centri storici, tutte le famiglie che sono proprietarie di case potranno avviare lavori di ampliamento dei loro immobili fino ad un massimo di 70 metri quadrati.

In questo modo da un lato le famiglie possono trovare risposta al loro mutato fabbisogno abitativo, e dall’altro il settore edile, ancora in uno stato di forte difficoltà, ne potrà beneficiare con nuove commesse. Ma il Piano Casa, oltre al mutuo sociale ed alla possibilità di fruire di premi di cubatura, prevede, come sopra accennato, anche la riqualificazione del patrimonio immobiliare al fine di incrementare l’offerta sul territorio laziale di alloggi a canone calmierato. Attraverso la riqualificazione del patrimonio immobiliare, cosa molto importante, si potrà incrementare l’offerta di case salvaguardando il territorio in quanto non sarà consumato nuovo suolo.