Mutuo acquisto casa: tempi dilatati per le transazioni

di Redazione Commenta

Spread the love

Anche in Italia, probabilmente, servirà ancora almeno un anno prima che si possa iniziare a parlare di un mercato immobiliare tornato ai livelli di compravendite precrisi. Questo chiaramente a patto che nei prossimi mesi il mercato mostri quei segnali di vitalità e di ripresa che, relativamente agli ultimi mesi, quelli a cavallo tra il vecchio ed il nuovo anno, sembrano essersi interrotti. D’altronde per gli agenti immobiliari italiani non è di certo un gran momento visto che continuano a registrarsi delle criticità tra la domanda e l’offerta di immobili. Chi ad esempio deve acquistare la casa, magari con un mutuo, si ritrova a fare i conti con prezzi alti specie se la trattativa è privata ed il venditore continua a proporre, magari concedendo sconti irrisori, prezzi di cessione sostanzialmente fuori mercato.

Ed allora di certo non stupisce, in accordo con quanto riportato dal Portale di comparazione online Supermoney.eu, che i tempi di compravendita degli immobili si allungano, e che quindi quello immobiliare nel nostro Paese continua ad essere un mercato per il quale ci vuole molta ma molta pazienza. Questo perché a sua volta il Portale di annunci immobiliari Idealista.it, considerando e calcolando i tempi di permanenza degli annunci sul sito, questi sono aumentati in media di circa 7 giorni, nel primo trimestre del 2011, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Quindi, si fa ancora fatica, più fatica a vendere gli immobili sia perché i compratori numericamente non sono quelli d’inizio 2007 e degli anni precedenti, quelli del boom immobiliare, sia perché, come sopra accennato, i venditori spesso fanno leva su pretese, in termini di prezzo, non in linea con la mutata congiuntura a livello economico e finanziario. A fronte di questa criticità, Idealista.it ha rilevato come le città dove gli immobili, rispetto alla media, si vendono più rapidamente,sono Milano e Roma, mentre le città dove i tempi si dilatano molto sono quelle di Verona e di Palermo.