Definiti i nuovi tassi d’usura

di Redazione Commenta

Spread the love

Sono stati definiti di recente le soglie d’usura valide per il quarto trimestre del 2012. In base ai tassi medi applicati ai mutui fissi e variabili, è definito un limite oltre il quale si può parlare di usura, anche se a concedere mutui e prestiti sono banche che hanno alle spalle una tradizione decennale. 

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato i nuovi tassi d’interesse effettivi globali medi, validi per il quarto trimestre del 2012, quindi dal primo ottobre 2012 al 31 dicembre 2012, sui quali si possono calcolare i tassi d’usura.

Le cosiddette soglie antiusura sono definite per ogni tipo di credito e finanziamento, sia esso un mutuo, un prestito, un leasing o anche un conto corrente. Rispetto al mese precedente sono state apportate della variazioni.

Iniziamo con i mutui, che sono l’argomento più interessante per il nostro settore. Il tasso di soglia per i finanziamenti con garanzia ipotecaria a tasso fisso è sceso dal 10,88 al 10,67 per cento. Sul variabile, invece, la soglia è passata dal 9,42 per cento all’8,9 per cento.

Per quanto riguarda i prestiti, invece, per gli importi fino a 5 mila euro si è passati dal 19,15 al 19,35 per cento mentre il tasso è sceso dal 7,97 al 16,97 per i prestiti con importo superiore ai 5000 euro.