Assicurazione mutuo: rimborso premi diventa obbligatorio

di Redazione Commenta

La surroga di un mutuo, grazie alle liberalizzazioni degli anni scorsi, è senza costi a carico del contraente. A fronte però della portabilità del mutuo dalla vecchia alla nuova banca, in passato c’è stato il problema legato alla presenza, presso la vecchia banca, di coperture assicurative per le quali, associate al mutuo, si pagava o un premio annuo, oppure addirittura un premio in un’unica soluzione. Che fine faceva allora la polizza una volta surrogato o estinto, tramite sostituzione, il mutuo presso la vecchia banca? Ebbene, al riguardo finora la confusione è regnata sovrana visto che la vecchia banca, a propria discrezione, quando andava bene, restituiva al cliente la quota di premio assicurativo non goduto; oppure permetteva di modificare il beneficiario della polizza; oppure ancora non permetteva nessuna delle due soluzioni descritte. Queste condizioni hanno spesso rappresentato un ostacolo alla portabilità dei finanziamenti ipotecari e, quindi, al mercato dei mutui in Italia con finalità di surroga.

Ebbene questa criticità non esiste più visto che, in accordo con quanto riportato in data odierna, martedì 1 marzo 2011, dal CRTCU, Centro di ricerca e tutela del consumatore e degli utenti, il rimborso dei premi assicurativi è finalmente diventato a norma di legge obbligatorio.

Vengono quindi superate le criticità del passato sui premi assicurativi pagati per un mutuo a copertura non solo del caso di incendio o scoppio dell’immobile, ma anche a quelle a copertura del caso morte, malattia, infortunio sul lavoro, invalidità, ricovero in ospedale o perdita dell’impiego. Questa grossa novità, si spera, dovrebbe contribuire anche ad innescare nuovi effetti positivi e concorrenziali sul mercato dei mutui per surroga, ragion per cui potrebbero e dovrebbero esserci anche degli effetti positivi sui premi assicurativi con un loro abbassamento. Chiaramente, a parità di tutte le altre condizioni, sono da preferire i mutui che includono quante più coperture gratuite di natura assicurativa possibili.