Ristrutturare casa con Banca Sella

di Sofia Martini Commenta

 Banca Sella offre in questo periodo un prodotto a tasso fisso molto interessante dove le somme erogate devono essere finalizzate alla ristrutturazione dell’immobile.

Cerchiamo di analizzare costi e vantaggi dell’offerta.

La prima cosa da chiarire è che queste “offerte” sono limitate per quanto riguarda durata e importo massimo finanziabile. Sicuramente il secondo nodo è quello da chiarire con più urgenza. Quanto possono chiedere alla Banca Sella gli aspiranti mutuatari?

Il loan to value è pari al 70% del valore cauzionale dell’immobile, una percentuale che scende a quota 60% nel caso in cui si operi la ristrutturazione di una proprietà immobiliare non uso abitativo.

Dai fogli informativi non è chiaro se si fa differenza tra i mutui per acquisto e quelli per ristrutturazione.

Per quanto riguarda la durata del mutuo stesso, non può superare i 30 anni nel caso in cui si voglia ristrutturare un immobile ad uso abitativo e non può superare i 25 anni se la ristrutturazione coinvolge immobili a differente uso. Di bello c’è che non è fissata una durata minima per il piano di rimborso.

Riguardo le spese di stipula del contratto, c’è da aggiungere una quota pari allo 0,85% dell’importo erogato con un minimo di spesa di 850 euro. Un’offerta che non è competitiva rispetto ai “prezzi fissi” applicati da altre banche.