L’indagine dell’antitrust sui mutui con “floor”

di Redazione Commenta

L’Antitrust ha avviato un’istruttoria verso sei banche che sono presenti nelle province di Bolzano e Trento al fine di verificare se abbiano posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza nella definizione dei tassi da applicare sui mutui immobiliari.

“Il provvedimento – informa un comunicato – e’ stato notificato oggi alle banche interessate (Cassa di Risparmio di Bolzano, Banca Popolare dell’Alto Adige, Cassa Raiffeisen di Brunico, Cassa Rurale Bolzano, Cassa Rurale Renon e Cassa Raiffeisen Valle Isarco) nel corso di alcune ispezioni effettuate in collaborazione con il Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza e con il supporto del Comando Provinciale di Bolzano della Gdf”.

 

Con lo spread in discesa, conviene rinegoziare il mutuo

Le sei banche operano sul territorio delle due province con più di 300 sportelli. L’istruttoria, avviata anche in base ad una segnalazione dell’associazione di consumatori Centro Tutela Consumatori Utenti Alto Adige, dovrà capire l’immissione, nei contratti di mutuo ipotecario a tasso variabile offerti dalle 6 banche, di una stessa clausola inerente alla presenza di un c.d. tasso floor il cui importo e’ stato bloccato nella stessa misura del 3%: è una soglia minima al di sotto di cui il tasso di interesse applicato al finanziamento non puo’ scendere. Questo valore, visto il corrente andamento dei tassi di interesse, non ha giustificazione nelle consuete dinamiche competitive, oltre ad essere particolarmente oneroso per la clientela. Secondo l’Antitrust, l’adozione unanime di tale tasso potrebbe essere potenzialmente atta a coordinare le politiche delle banche nell’eludere il confronto concorrenziale costruito sulla riduzione dei tassi di interesse per acquisire clientela.