Mutuo acquisto casa: in Italia prezzi inossidabili

di Redazione Commenta

Come ben tutti sanno dall’inizio della crisi finanziaria ed economica, iniziata nel 2007, nel nostro Paese le compravendite residenziali si sono ridotte di un quarto, così come a fine 2011 è atteso un calo del 2,8% rispetto al 2010. Nonostante la domanda sia sostanzialmente ferma, i prezzi medi sono rimasti sostanzialmente stabili a livello nazionale, con un accenno alla riduzione dell’1,9% nel 2010. Quindi, in accordo con quanto messo in risalto dal Censis, per il mercato immobiliare, e per chi acquista la casa, magari la prima, e magari con un mutuo, i prezzi di compravendita sembrano essere inossidabili; questo anche perché i prezzi nelle grandi città tendono ora a salire e vanno a compensare i ribassi dei prezzi nelle aree meno appetibili.

Dalla 15-esima edizione del monitoraggio immobiliare, realizzato da Censis e Scenari Immobiliari, è emerso come nelle grandi città i prezzi registrino una chiara inversione di tendenza. Ad esempio nel Comune di Roma i prezzi aumentano in Centro del 2,7%, nelle periferie dell’1,7%, e nel semicentro del 3,6%; invece a Milano nelle aree di pregio salgono addirittura del 5,0%, in periferia dell’1,6% e nelle aree intermedie del 2,4%.

Nel Rapporto Censis-Scenari Immobiliari, tra l’altro, viene illustrato, in sette punti, quello che rappresenta in tutto e per tutto una sorta di piccolo programma, un insieme di spunti e di proposte per permettere nel nostro Paese un rilancio del settore immobiliare. In sintesi, vengono descritte le opportunità del social housing, del risparmio energetico e dell’uso delle rinnovabili in edilizia, ma anche la cedolare secca sugli affitti. Il tutto a fronte della necessità di ridare slancio e respiro ai progetti immobiliari sulla base del raggiungimento di un equilibrio delle opportunità tra i Comuni, i costruttori e la finanza operante nell’immobiliare. Secondo il Rapporto del Censis e di Scenari Immobiliari c’è bisogno di aggregazione, ma anche di competenza e di innovazione per il rilancio del mercato.