Mutui: il miglior variabile parla tedesco

di Sofia Martini Commenta

In questo periodo i mutui più gettonati sono sempre quelli variabili, visto che anche la Banca Centrale Europea ha deciso di tenere i tassi ai minimi storici per incoraggiare la ripresa del mercato immobiliare. Tra tutti i prodotti, secondo la ricognizione di Mutuisupermarket, il miglior mutuo è quello di Deutsche Bank.
L’istituto di credito tedesco offre un mutuo a tasso variabile con TAEG al 3,20 per cento. Il tasso di partenza è del 3,06 per cento e risulta dalla somma dell’Euribor a 3 mesi, cui va sommato lo spread al 2,85 per cento. Il TAEG è comunque elevato perché vanno inserite nei costi del prodotto anche le spese iniziali e quelle ricorrenti. Queste ultime sono pari a zero ma per le spese iniziali bisogna aver risparmiato ben 1090 euro.

Il mutuo pratico a tasso variabile di Deutsche Bank, è considerato un’occasione vista l’assenza delle spese ricorrenti, l’erogazione dell’importo richiesto all’atto di mutuo e vista la gratuità dell’assicurazione scoppio e incendio.

Il mutuo variabile è pensato per le persone fisiche residenti in Italia da almeno 3 anni che al momento della scadenza del piano d’ammortamento non abbiano ancora compiuto 75 anni. La finalità del mutuo può essere l’acquisto della prima o della seconda casa e la ristrutturazione dell’immobile. L’importo minimo finanziabile è di 50 mila euro.