Mutui giovani 100%, alla scoperta delle proposte degli istituti bancari

di Daniele Pace Commenta

Sono sempre di più i giovani che hanno intenzione di diventare molto più indipendenti, lasciando la casa dei genitori e provando a mettersi in proprio, comprando una nuova casa. Esattamente per questa ragione, per merito delle novità che sono state introdotte tramite il decreto che è stato ribattezzato Sostegni bis, un gran numero di banche sta provando a lanciarsi in questa nuova avventura.

Sono essenzialmente tre le tipologie di acquisto che vengono coperte da parte delle opzioni messe a disposizione dal decreto Sostegni bis. In primo luogo si tratta dell’acquisto semplice, poi dell’acquisto con relative opere di ristrutturazione, il cui scopo principale deve essere quello di incrementare l’efficienza energetica e, infine, l’acquisto con accollo da frazionamento.

I giovani che hanno i requisiti previsti dalla norma possono fare richiesta per il mutuo, scegliendo la banca e poi indicando alla stessa l’abitazione il cui acquisto verrà coperto tramite il finanziamento. È fondamentale che non si tratti di un’abitazione di lusso e, di conseguenza, non deve far parte di una categoria come A1, A8 e A9.

Proviamo a scoprire, però, quali sono le banche che mettono a disposizione delle soluzioni appositamente per consentire che il mutuo che viene richiesto dai giovani under35 possa arrivare fino al 100%. La copertura dell’80% può essere indubbiamente molto utile, ma è chiaro che serve comunque avere la liquidità necessaria per garantire la copertura del restante 20%. 

Proprio in virtù del fatto che non si tratta di una somma che è alla portata di tutti, è meglio provare a scoprire quali sono le banche che hanno scelto di mettere a disposizione un mutuo pari al 100% per i giovani. Tra gli istituti che fanno parte di tale “categoria” troviamo anche Intesa San Paolo, che mette a disposizione ben due nuove proposte per poter ottenere un mutuo al 100%.

La prima proposta che viene offerta è quella con garanzia Consap, che prevede di sfruttare un tasso fisso estremamente vantaggioso. Stiamo parlando dell’1,05% a 20 anni. Non solo, visto che mediante tale pacchetto vengono azzerate tutte quelle spese che sono legate all’istruttoria, ma anche le spese che hanno carattere accessorio. La seconda proposta è invece caratterizzata da un loan to value all’80%, senza dimenticare come sia previsto anche l’azzeramento dell’imposta sostitutiva sul finanziamento. È bene mettere in evidenza come questo tipo di finanziamento viene dedicata a tutti quei giovani che hanno meno di 36 anni e che, al contempo, hanno un ISEE che non supera la soglia di 40 mila euro.