Luglio: come sono andati i mutui

di Sofia Martini Commenta

 I mutui finalizzati all’acquisto della prima casa, almeno nel mese di luglio, sembrano in crescita. Parola di Mutuionline, l’intermediario “virtuale” tra i più conosciuti nel nostro paese. Si è passati dall’83,4% di giugno all’85% di luglio.

Così come cresce la quota di mutui richiesti tramite Mutuionline per l’acquisto della prima casa, a luglio, scende la quota di di mutui finalizzati all’acquisto della seconda casa. Erano il 7,9% delle richieste a giugno e sono passati al 6,2% di luglio.

In crescita lieve, +0,4%, i mutui finalizzati alla ristrutturazione e costruzione di nuove case. Le richieste, in questo settore, sono arrivate a quota 4 per cento.

In leggero aumento, sempre con un +0,4%, i mutui con finalità sostituzione e surroga che hanno raggiunto la quota percentuale del 2,5%. Mentre scende al 2,2 per cento, con una flessione dello 0,8% la quota di mutui per “consolidamento e liquidità”. 

Se invece si osservano i dati sotto il profilo della tipologia di mutui erogati, cresce il numero di quelli variabili che guadagnano il 4,2% arrivando a quota 61,1 per cento. Mentre i mutui a tasso fisso scendono dal 19,7 al 17,2 per cento. Perdono quota anche i mutui variabili con cap che passano al 16,5 per cento a luglio, il -1,6% rispetto al mese precedente.

Per quanto riguarda la durata: crescono i mutui a 15 anni e quelli con durata tra i 30 e 40 anni. L’importo medio richiesto è in aumento e passa dai 126.161 euro di giugno ai 132.784 di luglio.