Attività del consulente patrimoniale: parliamo con Enrico Cerreto

di Redazione Commenta

Attività del consulente patrimoniale: parliamo con Enrico Cerreto

“Il consulente patrimoniale è un professionista in grado di supportare e consigliare il cliente in ogni sua esigenza finanziaria”. Esordisce così Enrico Cerreto, consulente patrimoniale con alle spalle anni di attività nel mondo finanziario e bancario, con il quale parliamo del patrimonialista e della sua attività.

A delineare, in modo sempre più chiaro e definitivo, la figura del consulente patrimoniale hanno contribuito gli ultimi sviluppi normativi. “La MiFID II – afferma Enrico Cerreto – è entrata in vigore lo scorso 3 gennaio 2018 con l’obiettivo di migliorare la trasparenza sui costi a beneficio del cliente finale, senza dimenticare che il consulente patrimoniale è un professionista competente”.

La consulenza patrimoniale mette in sicurezza il patrimonio e lo tutela dai rischi connessi alla sfera personale, familiare, professionale ed aziendale. La protezione patrimoniale è un processo che va avanti per tappe.

“La consulenza inizia – spiega Enrico Cerreto – instaurando un rapporto di fiducia con il nuovo cliente, si passa poi ad analizzare il patrimonio da proteggere, si individua la struttura familiare, gli obiettivi delle persone che ne fanno parte, i flussi reddituali, e le aree di rischio da cui tutelarsi, con riferimento ad una pluralità di strumenti giuridici a disposizione. É necessario anche individuare e condividere le strategie migliori per la messa in sicurezza e, in prospettiva, la trasmissione del patrimonio personale e familiare”.

In questa fase il professionista deve far emergere problemi, esigenze e bisogni del cliente nel suo intero ciclo di vita, tenendo sempre come punto di riferimento il raggiungimento degli obiettivi condivisi con il cliente.

“Essenziale ed importante è anche l’attività di monitoraggio – evidenzia il consulente patrimoniale Enrico Cerreto – in relazione sia agli obiettivi, che potrebbero mutare nel tempo, sia in merito all’efficacia degli strumenti giuridici utilizzati. Ribadisco che la protezione patrimoniale è importante in quanto consente di mettere in sicurezza preventivamente patrimoni personali o familiari spesso generati nel corso di molti anni da una o più generazioni che potrebbero, in caso di eventi imprevisti o casuali, rimanere compromessi o distrutti”.

“Non dimentichiamo – prosegue Cerreto – che il patrimonio di ogni individuo non è fatto solo di valori mobiliari ed immobiliari, ma anche da valori affettivi da tutelare e proteggere. Pertanto nella mia attività propongo sempre un ventaglio di soluzioni su cui discutere e verificare l’effettiva condivisione con gli obiettivi del cliente”.

Il compito del consulente patrimoniale è quindi di aiutare il cliente a riconoscere le sue necessità, ordinarle ed organizzarle, individuando insieme le priorità personali.

“Il concetto che io ho della consulenza è di proporre ma soprattutto condividere esperienze e competenze. Considero inoltre di grande importanza il passaggio generazionale, pertanto il cliente deve sì pianificare ma anche decidere come e a chi lasciare il frutto del suo lavoro”.