Mutuo tasso variabile: torna la convenienza

di Redazione Commenta

Nonostante le attese e le stime, formulate dagli esperti, di un aumento lento ma progressivo del tasso euribor nel 2011, in questi primi giorni nel nuovo anno il tasso interbancario, invece, sta scendendo. L’Euribor, quello con la scadenza a tre mesi, ovverosia quello con cui vengono agganciati i mutui a tasso variabile per la casa, è infatti tornato nella giornata di ieri sotto l’1%, ovverosia sotto il livello del costo del denaro attualmente fissato dalla Bce, la Banca centrale europea. Quelli registrati negli ultimi giorni sono cali frazionali per il tasso interbancario, ragion per cui la rata del mutuo a tasso variabile, che in questo momento molte famiglie in Italia stanno pagando, potrà scendere ma comunque per una manciata di euro senza variazioni sostanziali. In ogni caso l’andamento dell’euribor contribuisce a confermare la convenienza del mutuo variabile rispetto al fisso per chi si appresta a stipularne uno magari dopo aver trovato l’abitazione da acquistare, costruire o ristrutturare.

Il mutuo a tasso variabile, con l’euribor ancora a “buon mercato”, è chiaramente stipulabile anche per le operazioni di surroga o di sostituzione. Ad esempio, per chi sta pagando un mutuo a tasso fisso, magari con interessi troppo onerosi, e vuole passare ad un mutuo euribor, può surrogare il finanziamento spostando il debito residuo dalla vecchia alla nuova banca; il tutto a patto, chiaramente, che il mutuo abbia la necessaria “anzianità”, di norma pari ad almeno un anno, e che il mutuatario sia perfettamente in regola con il saldo delle rate mensili.

Con la surroga, tra l’altro, il mutuatario può fruire del vantaggio, imposto dalla Legge, di non doversi assumere costi accessori nel trasferimento del debito residuo dalla vecchia alla nuova banca. Un’altra alternativa per cambiare istituto di credito è data invece dal mutuo per sostituzione che permette da un lato sempre di spostare il debito residuo dalla vecchia alla nuova banca, e dall’altro di poter contestualmente ottenere anche della liquidità aggiuntiva.