Mutuo casa, le città dove si paga la rata più alta

di Daniele Pace Commenta

Spread the love

Come in tanti ben sanno, si è verificato nel corso delle ultime settimane un costante rincaro dei tassi ufficiali, come da disposizioni e indicazioni della Bce. Non è l’unica banca centrale, però, che sta mettendo in atto una politica stringente in riferimento ai tassi di interesse, dal momento che pure la Fed la sta seguendo a ruota. Inevitabilmente, pure il mercato dei mutui in Italia si sta adattando a questa nuova situazione. Proviamo a capire come si sta comportando il costo delle rate e dove è salito maggiormente nel corso delle ultime settimane.

Stando a quanto è stato riportato online, è stata sviluppata una mappa per capire molto di più quelli che sono i valori medi di finanziamento, sia in termini di durata che valutando la tipologia di immobili ad oggetto. Un dato molto importante che emerge è quello relativo alle differenze di importo medio che viene richiesto tra le diverse regioni italiane. Scendendo un po’ più nello specifico, gli importi dal valore maggiore sono stati registrati in Trentino Alto-Adige, con oltre 189 mila euro in media nel 2022. Al secondo posto c’è la Lombardia, a quota 155 mila euro all’incirca, anche grazie alla spinta del capoluogo Milano, mentre al terzo posto troviamo il Lazio, con 153199 euro come importo medio, e in questo caso c’è lo zampino di Roma.

Cambia tutto in riferimento invece ai dati peggiori, che sono stati registrati nelle regioni del Sud. Tra gli importi richiesti più bassi troviamo regioni come il Molise, con un importo intorno ai 102 mila euro, mentre la Calabria è arrivata intorno ai 109 euro. Da notare come una simile diversità a livello di importi non dipende né dal loan to value né tantomeno dalla durata.

Proprio il dato del loan to value rappresenta uno di quelli maggiormente interessanti, soprattutto in virtù del fatto che è proprio l’elemento che può fornire diverse indicazioni sia sul valore dell’immobile che è stato oggetto dell’acquisto, ma anche in riferimento al mutuo. Maggiore è la percentuale del loan to value e più il mutuo è stato ritenuto rischioso, visto che era molto complicato da ripagare. Tra le percentuali più elevate troviamo senza ombra di dubbio quelle che riguardano tre regioni dell’Italia del Sud, come ad esempio la Calabria, la Sicilia e la Sardegna, mentre il Friuli Venezia-Giulia è la sola regione dell’Italia settentrionale che può contare su una percentuale che va oltre il 70%. Dal punto di vista della durata, un altro dato da non sottovalutare, in media i mutui sono compresi da 5 fino a 40 anni.