Mutui cartolarizzati: Banca Etruria completa operazione Mecenate

di Redazione Commenta

Attraverso la Mecenate srl, una società veicolo, il Gruppo bancario Banca Etruria, quotato in Borsa a Piazza Affari, nei giorni scorsi ha perfezionato un’operazione di cartolarizzazione di mutui residenziali in bonis a fronte dell’emissione di obbligazioni per un controvalore pari a 465,8 milioni di euro. Trattasi, per questo tipo di operazione, di titoli obbligazionari Residential Mortgage Backed Securities (RMBS), che attualmente, in accordo con un comunicato ufficiale emesso martedì scorso, 26 luglio del 2011, dal Gruppo bancario, risultano essere interamente acquistati da Banca Etruria. In particolare, i titoli Residential Mortgage Backed Securities risultano essere suddivisi in tre classi: la Classe A1 per un controvalore pari a 160 milioni di euro; la classe A2 per un controvalore pari a 90 milioni di euro; la Classe A3 per un controvalore pari a 99,4 milioni di euro.

Inoltre, informa Banca Etruria con un comunicato, c’è anche una Classe Junior priva di rating per un controvalore pari a 116,4 milioni di euro. Le tre classi di titoli RMBS presentano una scadenza legale nel mese di aprile del 2060 a fronte, per le Classi A1 ed A2, di una step-up and call nel mese di ottobre dell’anno 2016.

Con l’operazione Mecenate 2011, il Gruppo Banca Etruria ha messo a segno la quarta operazione sui mutui residenziali in bonis, con la conseguenza che ne esce rafforzata sia la struttura patrimoniale, sia la propria posizione di liquidità. Questo dopo che già gli stessi risultati, con successo erano stati ottenuti da un lato con il titolo denominato “BPEL subordinato Lower Tier II tasso variabile callable 14/07/2006-2016“, attraverso un’offerta pubblica di scambio, e dall’altro con il collocamento di un bond convertibile avente un controvalore pari a 100 milioni di euro circa. Per quel che riguarda l’operazione Mecenate 2011, il Gruppo Banca Etruria ha incaricato in qualità di Arranger dell’operazione UBS Investment Bank, mentre il ruolo della controparte swap è stato assunto da Credit Suisse International.