Comprare casa, le operazioni preliminari. Vademecum Agenzia Entrate

di Sofia Martini Commenta

L’Agenzia delle Entrate, nel suo sito ha pubblicato online anche un vademecum volto a spiegare le procedure per comprare casa o per la vendita. In precedenza aveva già messo online un vademecum molto interessante legato alle procedure per l’affitto di un immobile

La guida dal titolo “Fisco e casa: acquisto e vendita”  appartiene ad una serie di guide di Agenzia Informa. Si rivolge soprattutto a coloro che vogliono vendere o comprare  casa senza incappare in sorprese fiscali. Quattro capitoli per un totale di 35 pagine che spiegano cosa fare prima e dopo l’acquisto di una casa, tutti gli accertamenti da sbrigare prima di arrivare al compromesso, le imposte da pagare e la base imponile su cui calcolare le tasse, le eventuali agevolazioni e le detrazioni. Ci sono una serie di indicazioni anche per chi ha ottenuto un immobile per successione o per donazione.

Le soluzioni finanziarie per non contrarre due mutui per comprare la casa vacanze

La prima cosa da fare in una procedura d’acquisto è la verifica riguardo il legittimo proprietario di un immobile, le ipoteche iscritte sullo stesso e le eventuali pendenze. Cosa vuol dire? Che la prima cosa da controllare è che l’appartamento che l’acquirente ha adocchiato sia negoziato con il legittimo proprietario dell’immobile. Poi è importante che l’appartamento sia libero da ipoteche e pendenze anche di tipo giudiziario. Questo genere di accertamenti devono essere fatti da un notaio, quello incaricato della redazione del contratto di compravendita.

Il privato cittadino può comunque accedere alle informazioni sull’immobile attraverso la consultazione dei Registri immobiliari. Si può chiedere cioè quella che si chiama ispezione ipotecaria e per averla è sufficiente avere un computer e un collegamento ad internet che consenta di entrare in contatto con l’ufficio provinciale Territorio. Dopo aver acquisito tutti i dati dell’immobile si passa alla stipula del compromesso cui segue il pagamento dell’imposta di registro. Il compromesso, conosciuto anche come atto preliminare che obbliga reciprocamente acquirente e venditore a concludere l’acquisto entro un tempo specifico, fa registrato entro i 20 giorni dalla firma del documento.