Mutuo a tasso variabile: le offerte Hello bank! e CheBanca!

di Sofia Martini Commenta

I due gruppi di crediti presentano offerte molto vantaggiose.

Il tasso Euribor ancora ai minimi storici e il tasso BCE confermato allo 0,05% fanno si che il momento sia particolarmente propizio per chi si sta orientando verso un mutuo a tasso variabile.

È sempre importante in ogni caso verificare le principali condizioni applicate, a partire dallo spread, discriminante resa ancora più palese dai livelli degli indici di riferimento cui va ad applicarsi. Tra i vantaggi della selezione on line c’è senza dubbio la possibilità di procedere al calcolo degli interessi del mutuo mediante pratiche simulazioni, e ragionare sulla scelta prendendosi il tempo necessario al confronto. Se poi si decide di fare affidamento a una banca on line, le pratiche necessarie alla richiesta e all’erogazione possono essere sbrigate a distanza, contando sull’appoggio di un consulente dedicato.

Un esempio in questo senso è il mutuo Hello! Home di Hello bank!, banca diretta BNL. Senza spese di istruttoria, l’intera procedura, dalla richiesta all’erogazione, si verifica on line. Per accedere al finanziamento è necessario avere un conto corrente Hello bank!, essere dunque titolari di un conto a zero spese e senza canone Hello! Money. Ai nuovi clienti che apriranno un conto entro il 15 dicembre 2015 è riservato un buono Amazon da 150 euro come offerta di benvenuto. Per tornare al mutuo a tasso variabile, simulando a titolo indicativo la richiesta di un finanziamento in finalità acquisto, su base Euribor 1 mese, da rimborsare in 20 anni, ad oggi lo spread applicato sarebbe dell’1,80%, spread massimo indicativo 2,250%.

Anche CheBanca! del gruppo Mediobanca permette di richiedere e ottenere un mutuo a tasso variabile on line, con la possibilità di approfittare della formula Mutuo Risparmio, riservata ai titolari di un conto corrente o di un conto tascabile. Con Mutuo Risparmio gli interessi non sono calcolati sull’intero capitale residuo, ma sulla differenza tra il capitale residuo e la somma dei saldi contabili medi dei conti collegati al finanziamento. Maggiori saranno i risparmi depositati del cliente più contenuti saranno dunque gli interessi da versare per il mutuo casa. Alle richieste di Mutuo Risparmio in finalità acquisto, variabile su base Euribor 3 mesi, pervenute entro il 30 settembre e stipulate entro il 30 novembre 2015, si applica uno spread del 2,35% su tutte le durate e gli importi.