Il mutuo conviene rispetto all’affitto?

di Redazione Commenta

Comprare casa, come dimostra il censimento generale Istat numero 15, può essere una scelta migliore. Perchè?

Senza dubbio si tratta di una scelta prettamente personale, che spesso dipende dal capitale a propria disposizione. Tuttavia, la scelta tra l’accensione di un finanziamento per acquistare casa e l’affitto può essere aiutata dalla valutazione di una serie di parametri.

Alcuni (quelli non personali) sono suscettibili di valutazione oggettiva pur essendo per natura variabili nel tempo.

E’ opportuno dunque affrontare quindi un’analisi prettamente economica: oggi conviene investire nella stipula di un mutuo per l’acquisto di casa oppure è meglio prendere tempo e stare in affitto?

E’ intuitivo peraltro che l’analisi è suscettibile di considerazioni variabili anche dal punto di vista territoriale. Dove in Italia l’acquisto di casa risulta essere più conveniente? Le conclusioni non sono univoche in tutte le città perché diversi sono i valori immobiliari medi e i prezzi delle locazioni ma anche gli eventuali incentivi previsti per l’acquisto di casa o per l’affitto.

Stando alla tendenza del mercato immobiliare comprare casa oggi può rivelarsi una scelta opportuna. Stando ai dati degli osservatori immobiliari infatti il prezzo medio delle case è in calo: ad inizio anno, rispetto al mese di gennaio dello scorso anno, in Italia il costo medio degli immobili al metro quadro è sceso del 5,99%. Da gennaio ad aprile 2015 il prezzo medio è ulteriormente sceso passando dai 2184 euro al metro quadro a 2151 euro.

Questa tendenza è stata confermata ad inizio anno dal quindicesimo Censimento generale Istat secondo cui sono circa 18 milioni le famiglie italiane che possiedono un’abitazione di proprietà (circa il 72%). Nell’ultimo decennio, con variazioni in base alle diverse aree geografiche considerate, la