Mutuo senza busta paga, alcuni suggerimenti per ottenerlo

di Daniele Pace Commenta

Sono sempre di più le persone che hanno la necessità di fare richiesta di un mutuo senza però avere a disposizione una busta paga. L’obiettivo è quello di garantire la sostenibilità della rata, ma al contempo anche garantire alla banca l’opportunità di rivalsa nel caso in cui i pagamenti delle rate dovessero tardare.

Anche senza un reddito, quindi, è possibile ottenere un mutuo? La risposta è senz’altro positiva. La busta paga viene richiesta da un istituto di credito in maniera tale da poter disporre di una garanzia in riferimento alla concessione di un mutuo, visto che in caso contrario il rischio di un prestito potrebbe essere eccessivo.

Nel caso in cui un lavoratore autonomo non possa contare su uno stipendio fisso, ma ha la necessità di provvedere alla stipula di un mutuo, la banca comincerà a chiedere apposita e approfondita documentazione in merito allo stato del patrimonio del lavoratore, in maniera tale da poter trovare varie garanzie il prestito proprio a quel prestito che dovrebbe essere erogato. Di conseguenza, il lavoratore dovrà presentare la dichiarazione dei redditi, eventualmente delle proprietà immobiliari oppure ulteriori garanzie che si possono considerare equivalenti.

Il discorso è praticamente lo stesso anche in riferimento alla richiesta di concessione di un mutuo per quanto riguarda i pensionati. Si tratta di persone che, dal punto di vista tecnico, non hanno alcuna busta paga, ma potrebbero comunque decidere di presentare una richiesta in tal senso. Se da una parte il fatto di avere una pensione rappresenta un flusso di reddito costante, d’altro canto le complicazioni potrebbero essere rappresentate più che altro dai limiti di età. Nella maggior parte dei casi, tra l’altro, gli istituti di credito concedono dei muti a persone che, al termine dell’ammortamento, non hanno un’età superiore a 80 anni.

Stesso discorso anche quando c’è da richiedere un mutuo al 100% per l’acquisto di una casa: i tassi di interesse, però, potrebbero essere molto più alti e potrebbe rendersi necessaria la stipula di polizze assicurative di carattere obbligatorio.