La Brexit favorisce i mutui a tasso fisso

di Sofia Martini Commenta

L'uscita della Gran Bretagna dall'Ue ha favorito questa tipologia di finanziamento.

La Brexit si configura come un’occasione per coloro i quali hanno intenzione di accendere un mutuo a tasso fisso. Il motivo? L’incertezza dei mercati valutari ha ‘favorito’ questa tipologia di finanziamenti che ora si trova alle migliori condizioni di sempre.

mutuo casa chiavi

Nello specifico, lo spread con il variabile si è ridotto al minimo. Così gli esperti:

L’indice di riferimento al quale si aggancia il tasso fisso, l’Eurirs a 20 e 30 anni, è precipitato allo 0,75%. La situazione porterà presumibilmente a far aumentare i mutuatari che punteranno su questa formula, alimentando il trend di crescita iniziato lo scorso anno. Secondo l’ultimo Osservatorio di MutuiOnline.it nel primo semestre del 2016 i prestiti a tasso fisso hanno riguardato il 65,5% delle domande e il 70,9% delle erogazioni effettivamente concesse. Questo andamento favorisce inoltre il fenomeno delle surroghe. Si registra attualmente la domanda di chi magari aveva già surrogato a tasso fisso sopra il 3%, e può portarsi a casa un altro punto di sconto. O anche di chi ha in corso un tasso variabile e preferisce mettersi al riparo con un modesto rialzo della rata che paga ora.

Nel frattempo, il dato sulle richieste dei clienti è confermato anche dal rapporto dell’ABI, Associazione Bancaria Italiana, secondo cui i due terzi dei nuovi mutuatari preferisce il tasso fisso. L’Associazione rileva anche che il tasso di interesse medio sui nuovi finanziamenti si è attestato al 2,21% contro il 2,25% del mese precedente, valore di gran lunga inferiore rispetto a quanto riscontrato nel 2007, quando viaggiava sui livelli del 5,7%.

La differenza minore nel costo complessivo è quella rilevabile dalla proposta di Intesa Sanpaolo. Il gap di tasso tra i due prodotti è dello 0,57%, portando la differenza a soli 32 euro al mese tra le rate dei due mutui.